Archives

La Solfatara

IMG_8050Nessuno direbbe che si tratti di un vulcano né, tanto meno, che possa essere un vulcano attivo! La Solfatara se ne sta nascosta tra le case e le strade, appollaiata su una bellissima terrazza affacciata sul Golfo di Pozzuoli e sulle tormentate insenature che lo compongono, e non si indovinerebbe mai che custodisca al suo interno un vero e proprio scenario dantesco!

Read more… →

Monte Nuovo

IMG_1555
Il cratere con Monte Gauro sullo sfondo

Monte Nuovo è un luogo che non può lasciare indifferenti, e che meriterebbe maggiore fama, a livello nazionale e oltre. Non si tratta solo di un grazioso parco suburbano, capace di dare respiro all’estremità orientale della conurbazione napoletana, nel cuore del centro abitato di Arco Felice di Pozzuoli: è di un piccolo vulcano che stiamo parlando, trasformatosi poi in una lussureggiante oasi verde. Ma non basta: Monte Nuovo (come infatti suggerisce anche il suo nome) è il vulcano più giovane d’Italia e d’Europa, particolarità che, effettivamente, dovrebbe renderlo conosciuto in tutto il mondo.

Un vulcano che, sul litorale di Pozzuoli, sorge nel giro di una settimana, oscurando il cielo fino alla Calabria per giorni, che vomita cenere, lapilli e pietre laviche fin quasi sopra il centro di Napoli, che distrugge l’intero villaggio di Tripergole, riduce di oltre la metà la superficie del Lago Lucrino, cancellando completamente il suo collegamento con il Lago d’Averno, (a sua volta notevolmente rimpiccolito), terrorizza una popolazione intera, e causa anche alcune vittime. Tutto questo accadde nel giro di una settimana, a cavallo tra settembre e ottobre del 1538, facendo sorgere dal nulla questo mini-vulcano, oggi stretto tra il mare e la Tangenziale di Napoli.

Read more… →

La Sibilla Cumana

L'antro della Sibilla
L’antro della Sibilla

L’antro della Sibilla Cumana, all’interno dell’antica città greco-romana di Cuma, è una delle molte meraviglie conservate nella zona dei Campi Flegrei, nella parte occidentale della provincia di Napoli. Raggiungendo l’entrata dell’area archeologica si possono notare gli scavi in corso d’opera che stanno avvenendo nella parte bassa dell’antico centro, dove si trovavano le terme e il foro. L’ingresso al parco archeologico lascia un po’ perplessi, fin quando il budello non si apre dando da un lato sull’antro della Sibilla e dall’altro sulla Crypta romana.

Read more… →

Il Cratere degli Astroni

Caratteristiche: La Riserva Naturale “Cratere degli Astroni” è una vera e propria oasi all’interno dell’area urbana di Napoli-Pozzuoli, che stupirà chi la visiterà per la prima volta. Con una superficie di quasi 250 ettari, questa sorta di Shangri-La partenopea si trova all’interno di un antico cratere vulcanico facente parte della caldera flegrea.

Piantina del Cratere
La Riserva è gestita dal WWF, ed è aperta per le visite tutti i fine settimana, con possibilità anche di effettuare visite guidate (informazioni aggiuntive sul sito del WWF). Trattandosi di un cratere, il lieve dislivello (60-70 m) presente viene percorso in discesa all’inizio dell’escursione. Il percorso è prevalentemente ombreggiato, svolgendosi in gran parte attraverso il bosco, e non presenta difficoltà particolari. 

Read more… →