Ritorno alla Camosciara

Si parte!
Si parte!

OK, ormai sapete che odio camminare su strade asfaltate (e non amo particolarmente neanche le sterrate), ma ogni tanto un’eccezione si può pure fare, no? Soprattutto se lo scenario è quello della Camosciara, dove in una stupenda domenica primaverile due piccoli gruppi, organizzati da Atargatis e dall’Alpinismo Giovanile del CAI di Alatri, si sono incontrati.

Del resto, la presenza del percorso asfaltato, una volta avendo rappresentato il danno, manifesta pure tutti i suoi risvolti positivi, come è già stato detto qui: in bici, a cavallo, a piedi, in trenino, col passeggino; grandi, piccoli, anziani, giovani, giovanissimi, di tutte le taglie possono usufruire di uno degli angoli più belli dell’Appennino. Un angolo dove, nonostante l’elevata presenza umana e la strada, è possibile stare a contatto con una natura incontaminata e selvaggia.

Lungo il sentiero G1
Lungo il sentiero G1

Noi abbiamo fatto un’allegra passeggiata, al ritmo dei più piccoli, fermandoci di tanto in tanto ad ammirare il ruscello, ad osservare come la corrente trasportava i bastoncini, a rincorrerci di tanto in tanto. Giunti al piazzale al termine del sentiero G1, abbiamo fatto uno spuntino per pranzo insieme al gruppetto del CAI giovanile proveniente da Civitella Alfedena, godendoci il vento e il profumo della foresta, per poi partire verso il pezzo forte della giornata: il sentiero G5 che si tuffa nella foresta, ai piedi di monti che sfiorano i duemila metri, lungo il ruscello, fino alle sue sorgenti: la Cascata delle Tre Cannelle e la Cascata delle Ninfe. Un luogo magico che, come sempre, ha affascinato grandi e piccoli.

La Cascata delle Tre Cannelle: una meraviglia
La Cascata delle Tre Cannelle: una meraviglia

Per il ritorno non ci siamo fatti scappare l’occasione di farci un giro sul trenino, mentre una parte del gruppo è rientrata a piedi. Una bella giornata tutti insieme, conclusa presso l’area picnic della Cooperativa Camosciara a festeggiare il compleanno di uno degli amici della compagnia. La montagna può rivelare i suoi volti migliori anche quando è una scusa per stare insieme senza preoccupazioni in luoghi già conosciuti, che è sempre un piacere tornare a visitare.

CAMOSCIARA COMPLETO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.