Il Lago di Fogliano

Il Lago visto dal Borgo

Caratteristiche: l’escursione parte dal piccolo e grazioso borgo di Villa Fogliano, sulle rive del lago omonimo, all’interno del Parco Nazionale del Circeo. Il sentiero non presenta alcuna difficoltà, si snoda interamente lungo le rive del lago stesso e, volendo, è percorribile per un lungo tratto anche con il passeggino. Il dislivello è nullo.

Le Cascate del Rio Arno – Gran Sasso

Caratteristiche: L’escursione parte dalla stazione turistica di Prati di Tivo e, attraverso vari scenari, giunge alle Cascate del Rio Arno, all’inizio della spettacolare Val Maone. Non presenta difficoltà particolari, sebbene la presenza di un paio di frane di dimensioni considerevoli suggerisca la massima prudenza in quei tratti, dato che i detriti hanno invaso il sentiero. Il fondo è rappresentato principalmente da una sterrata, che si incunea in uno spettacolare vallone tra il Corno Piccolo e la Vetta Settentrionale dell’Intermesoli. L’escursione si svolge su un tratto del Sentiero Italia, il numero 100.

L’inizio della discesa al cospetto del Pizzo d’Intermesoli
 

Il dislivello tra il punto di partenza, a circa 1400 m slm, e il punto più alto, più o meno a metà dell’escursione, è di 150 m. Le Cascate, il punto di arrivo, si trovano a 1470 m slm. Sono necessarie pressapoco un’ora e mezza o due ore per l’intera escursione.

Read more… →

Alcune considerazioni sulla sicurezza: precauzioni e orientamento

La pausa-snack, come già si è detto, è molto importante come premio e come stimolo per i ragazzi, che saranno più motivati a compiere lo sforzo necessario per raggiungere la meta; essa è comunque fondamentale sul piano della sicurezza, per far sì che i bambini mantengano il giusto apporto di energie e di calorie. Alimenti dolci, energetici e facilmente digeribili non devono quindi mai mancare nello zaino, insieme ad un’adeguata quantità di bevande addizionate con sali minerali.

Read more… →

Le Gole di Celano – Sirente/Velino

Caratteristiche: l’escursione è molto bella, in un ambiente insolito come può essere quello di un canyon, con pareti altissime che giungono a una distanza davvero di pochi metri l’una dall’altra nella sua parte più caratteristica (quasi 200 m di altezza e soli 3 m di larghezza!). Non vi sono grandi difficoltà: la presenza di grandi massi rende comunque impegnativo un tratto significativo del cammino. Si consiglia di evitare il percorso se si utilizza ancora lo zaino baby-carrier, o se il bambino è ancora piccolo, soprattutto se non ancora ben coordinato nel camminare. Per ragazzi più grandicelli l’escursione può essere invece una spettacolare avventura, alla scoperta di uno scenario eccezionale. Da fare con poca acqua o in sua completa assenza: assolutamente da evitare durante stagioni piovose o durante la primavera quando il disgelo è ancora in corso. Il dislivello dalla partenza alla Fonte degli Innamorati è di circa 300 metri, per un tempo necessario di circa 2 ore per percorrerlo più le pause.

La Riviera di Ulisse

La Riviera di Ulisse, compresa tra Gaeta e Sperlonga, presenta per il visitatore moltissime attrattive: il luogo, più o meno a metà strada tra Napoli e Roma, si presta particolarmente per la classica gita fuori porta e merita almeno un pernottamento, che si può prenotare agevolmente sul sito HRS, così da poter godere in assoluto relax delle bellezze di questo tratto di costa, dei centri storici delle due cittadine e delle due aree protette che ospitano.

Veduta della Riviera di Ulisse da Monte Orlando;
in basso a sinistra il Santuario della Montagna Spaccata

Di certo, si parla di mare e di spiagge tra le più belle di tutto il Lazio: questo fa del luogo una meta ricercatissima in estate. Tuttavia, la Riviera di Ulisse offre bellissimi luoghi da visitare con la famiglia tutti i mesi dell’anno: l’ente parco omonimo amministra infatti nei territori delle due cittadine laziali due delle tre aree protette di sua competenza: Monte Orlando a Gaeta e il Promontorio della Villa di Tiberio a Sperlonga (l’altra area è quella di Gianola e del Monte di Scauri, tra Minturno e Formia). Si tratta di territori dalla superficie relativamente poco estesa, ma ricchissimi di testimonianze estremamente rilevanti dal punto di vista ambientale, culturale ed archeologico.

Read more… →