Odissea a Gianola

L'inizio della serata: in cerca di Ulisse!
L’inizio della serata: in cerca di Ulisse!

Quale luogo migliore del Parco sulla Riviera che da lui prende il suo nome per cercare Ulisse? Quale luogo migliore del Parco di Gianola per andare alla ricerca del mitico Nessuno? Odissea a Gianola si potrebbe dire, cercando in giro per il bosco e per la macchia: “C’è Nessuno?”
Organizzata dall’Associazione Lestrigonia con la collaborazione dell’Associazione Ambiente & Natura è Vita la sera dello scorso 4 settembre, la manifestazione ha preso la fisionomia di un percorso “teatrato” lungo il classico sentiero che dall’Infopoint porta alla Villa di Mamurra. Gli dei hanno voluto anche che il percorso fosse infangato a dovere, dato l’acquazzone che ha preceduto la serata; ma sono stati anche clementi, trattenendo altra pioggia fino alla conclusione della stessa. L’importante è che tutto sia andato bene: l’affluenza è stata ragguardevole, nonostante il meteo incerto e il clima quasi autunnale, e i partecipanti tutti contenti e divertiti.

Le guide ci hanno portati prima alla ricerca di Achille, affinché ci potesse fornire qualche indizio, e poi dello stesso Ulisse. Abbiamo trovato lungo il percorso spada, elmo e scudo dei guerrieri achei; e poi Calcante, assonnato e appollaiato su un’enorme quercia da sughero; Achille in carne ed ossa, che aveva intravisto Ulisse; la bella Circe con uno dei suoi maialini; Penelope un poco arrabbiata per il ritardo del marito (ma su, cosa volete mai che siano vent’anni?), e che affronta a tu per tu proprio la maga “pontina”; e poi “nino-nino-nino”… le Sirene! Prima di Polifemo monocolo c’è stato perfino spazio per un improbabile scimmione… forse credendo che fossimo nello Spazio e ancora nel 2001, il primate aveva sbagliato Odissea! E poi Ulisse, nei pressi della Grotta della Janara… per niente intenzionato a tornare a casa, ben soddisfatto della “sua” Riviera… fin quando Penelope non lo ha affrontato e lo ha riportato a più miti consigli!
Una serata diversa, ben strutturata e organizzata con competenza e simpatia. Niente ha potuto il maltempo: l’Area Protetta di Gianola si è rivelata capace di ospitare perfino un’Odissea per bambini e famiglie, dimostrando una volta di più di essere un piccolo scrigno pieno di mille tesori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.