Le impronte di dinosauro di Esperia

Ecco la roccia con le impronte!
Ecco la roccia con le impronte!

Da tempo, ossia da quando se ne diffuse la notizia della scoperta qualche anno fa, avevo il desiderio di vedere di persona le impronte di dinosauro di Esperia… e quale modo più bello di farlo venendoci con mio figlio, appassionato, manco a dirlo, di dinosauri? Stavolta non serve camminare, l’esplorazione è stata effettuata esclusivamente in auto, dato che il sito si trova lungo il ciglio di una strada che dal paese si inoltra verso l’interno del massiccio aurunco. Tutte le volte che avevo provato a rintracciare le orme fossili avevo fallito, eppure tutti mi dicevano che si trovavano proprio al lato della carreggiata. Stavolta siamo partiti e, mi sono detto, “troveremo queste impronte!”


Constatato che la strada si srotolava senza che noi notassimo alcunché, decido di chiedere a un cacciatore che si trovava fermo in auto. Ebbene, è stato grazie a lui (così da poter individuare una qualità positiva nella sua categoria anche da parte mia!) che abbiamo potuto correggere la nostra rotta e scovare il posto. La cosa che lascia un pochino perplessi è la completa mancanza di indicazioni; anche una volta giunti sul posto, non c’è una targa, una placca, un’indicazione, niente di niente, se non uno slargo lungo la strada, messa in sicurezza, e una staccionata. Ci siamo domandati se una cosa del genere l’avessero rinvenuta in Germania o in Francia: come l’avrebbero pubblicizzata e come avrebbe attirato appassionati (oltre che bambini) da tutto il mondo!?! Soltanto una volta tornato a casa mi sono reso conto che c’è una “timida” iconcina con impronte di rettile in corrispondenza del sito nella carta escursionistica del Parco dei Monti Aurunci. Queste perplessità, a fine giornata, hanno fatto il paio con quelle provate nel trovare sprangato il Museo del Carsismo di Esperia, proprio durante la prima domenica del mese, quella della DomenicalMuseo…

Migravano nel nostro mare tropicale
Migravano nel nostro mare tropicale

Comunque, le note negative si fermano qui, di fronte alla doppia placca di roccia con sopra vergate le impronte di questi pachidermi; e soprattutto di fronte alla gioia del nostro piccolo che, giustamente, ha voluto toccare con mano le orme. In effetti, da completo profano quale io sono in paleontologia, non credo che trovare decine di impronte di dinosauro così chiare e definite, fossilizzate su roccia, sia una cosa da niente, neanche per gli addetti ai lavori!

Altro particolare delle orme
Altro particolare delle orme

E così, se uno si mette a cercare sul web, qualcosa trova, e capisce che, no, in effetti, questo non è un sito qualunque, ma è quello in cui sono state scoperte le impronte fossili di dinosauro più antiche del Lazio (140 milioni di anni!), e senz’altro uno dei siti più antichi in Europa del genere con un tale numero di orme! Giganti preistorici, sia erbivori che carnivori, che passavano di qui durante le loro migrazioni. Una scoperta avvenuta quasi per caso (in realtà, io direi una scoperta “voluta” dalla passione degli speleologi che l’hanno effettuata), e che poi ha portato esperti di varie università a confluire sul luogo, ad approfondire con studi mirati, e a produrre pubblicazioni specializzate. Un pochino come se questo angolo di Monti Aurunci divenisse il centro del mondo paleontologico… peccato che in zona in pochi se ne siano accorti…
Ma in quel momento il centro del mondo erano il sorriso e la gioia che quelle impronte hanno regalato al nostro piccolo, e che sicuramente sapranno regalare agli altri bambini che verranno portati qui dai loro genitori. Il resto è relativo.

5 thoughts on “Le impronte di dinosauro di Esperia”

  1. Da grande appassionata di dinosauri non posso che esclamare: wow wow wow!!! Non sapevo nulla di questo sito, forse perché, come dici anche tu, non è minimamente pubblicizzato? Non per fare sempre paragoni col Trentino, ma anche a Rovereto c’è una sorta di “pista di dinosauri” (questa: http://www.fondazionemcr.it/orme_dinosauri), inutile dire però che in quanto ad organizzazione e segnaletica non c’è paragone… un vero peccato che risorse così non vengano valorizzate! 🙁

    1. L’Ente Parco dei Monti Aurunci ed il Comune di Esperia hanno avviato diversi lavori di valorizzazione del Sito in oggetto che prevedono tra l’altro l’installazione di apposita cartellonistica e segnaletica di avvicinamento.
      Sebbene il sito non rientri all’interno dell’Area Protetta il Parco ha ritenuto importante impegnarsi nel recupero del luogo.
      Purtroppo le lungaggini burocratiche non tengono conto delle necessità turistiche e di questo ce ne scusiamo.
      Ufficio Comunicazione Ente Parco

      1. Precisazione importantissima e preziosa.
        Si confida quindi che, con un po’ di pazienza, il sito sarà segnalato e valorizzato a dovere, e questo sarà positivo per il Parco (anche se, effettivamente, seppure di poco, le impronte rimangono fuori dei suoi confini) e per tutta la zona aurunca.
        Grazie dell’intervento.

  2. Non conoscevo e non sapevo, forse perché come dici non pubblicizzato abbastanza,ora che ho letto una visita ad Esperia la faro’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.