Alla ricerca dei fenicotteri rosa

Dove sono i fenicotteri?
Dove sono i fenicotteri?

Arriviamo all’ingresso dell’Oasi e chiediamo ad alcuni fotografi, che ne stavano uscendo: “Ci sono?”

“No, se ne sono andati. Stamattina ce n’erano ancora tre; una settimana fa erano oltre quaranta!”

Forse hanno visto un velo di delusione sui nostri volti, e così una di loro ha aggiunto: “Però ci sono le gru e tanti altri uccelli.”

Così è iniziata la nostra ricerca dei fenicotteri rosa; e così è subito terminata, dato che erano loro ad essersene andati. Ma l’entusiasmo non è affatto venuto meno: l’abbiamo scoperta da poco l’Oasi dei Variconi, ma già sappiamo quanto sia piacevole camminare sul suo suolo sabbioso e farsi rapire dai suoi spazi inaspettatamente aperti. E, naturalmente, avevamo anche noi intenzione di fare un po’ di birdwatching!

Il lago grande dell'Oasi
Il lago grande dell’Oasi

Ci siamo subito diretti al capanno sulle rive del laghetto più grande, dove c’erano altri appassionati di volatili. Belle sensazioni: pace, silenzio, curiosità. Così, il nostro piccolo si ritrova subito con il binocolo al collo, prestatogli da uno di questi gentili birdwatcher, e abbiamo iniziato ad ammirare i vari uccelli che, placidi, si godevano questo piacevole, nuvoloso pomeriggio di fine estate. Nel capanno l’atmosfera è magica: si parla bisbigliando, non si vuole rompere l’incantesimo, consapevoli che siamo noi ad essere gli ospiti a casa di questi meravigliosi esseri pennuti.

Si corre verso il mare!
Si corre verso il mare!

Dopo un po’ abbiamo cambiato visuale, facendo il periplo del laghetto per raggiungere l’altro capanno. Il sentiero su questo lato è sabbioso, pesante: siamo già pienamente sulla duna, stiamo già camminando sulla spiaggia di questo incanto, dove il mare, il fiume e la terra si incontrano: detriti legnosi, rami e tronchi si ammassano, mentre il Volturno incontra placido il Tirreno.

La magia di fine estate
La magia di fine estate

Già, i fenicotteri non c’erano: ma l’Oasi dei Variconi è qui, pronta ad accoglierli nuovamente tra un anno, o quando vorranno, lungo il loro lungo tragitto che lega l’Europa all’Africa. Ed è pronta ad accogliere anche noi, piccolo grande miracolo in quest’angolo bistrattato d’Italia, fatto di tanti problemi e di grandi bellezze. E allora, ci saremo di nuovo, a cercare i fenicotteri rosa.