Category Archives: Nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Lo Stazzo di Ziomas

Lo Stazzo
Lo Stazzo

L’escursione allo Stazzo di Ziomas permette di avvicinarsi senza sforzi ai paesaggi offerti dalle praterie di Passo Godi, situati a quota relativamente elevata, ma senza grossi dislivelli da superare. Si tratta di un breve percorso (circa 2,7 km) su sterrata, che con alcune curve si apre su scorci incantevoli e porta fino ad una destinazione generalmente solo di passaggio per l’escursionista. In questo caso, eleggerla come obiettivo finale permette di “testare” anche la resistenza di eventuali bambini da “iniziare” alle passeggiate montane e rappresenta comunque un agevole percorso pure per gli adulti. Il sentiero è l’Y7, si parte da una quota di circa 1560 m per salire fino a quota 1640 e ridiscendere alla quota 1580 dello Stazzo. Considerando anche la presenza di bambini, sono necessarie un’ora e mezzo o due ore (solo andata) per completare il percorso, altrimenti normalmente molto più rapido.

Read more… →

I Tre Confini

Il Casone Bartolomucci
Il Casone Bartolomucci

Non so quanti altri “Tre Confini” vi siano in Italia, tanto è comune questo toponimo nel nostro Paese; quello che so è che qui si torna sul versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, in uno scenario bellissimo, per una comoda escursione che inizia dalla Valle di Canneto e che raggiunge, attraverso il sentiero F2 del Parco, proprio la Valle dei Tre Confini lungo il confine tra Lazio e Abruzzo. Il percorso origina o dall’inizio della sterrata che si imbocca di fronte al santuario della Madonna di Canneto, oppure dal sentiero che si trova in fondo al parcheggio e che, comunque, converge sulla stessa sterrata. Non vi sono difficoltà particolari, sebbene si tratti di un cammino di circa 7,5 km solo andata, per percorrere i quali sono necessarie circa 3 ore, 3 ore e mezza, a seconda del proprio passo. Il dislivello è di quasi 500 metri, sempre ben distribuito lungo il percorso. 

Read more… →

L’anello di Val di Rose

L'inizio del Sentiero
L’inizio del Sentiero

L’anello della Val di Rose è una delle escursioni più belle che si possa effettuare nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise: lunga e abbastanza impegnativa, la sua spettacolarità la suggerisce comunque a ragazzi e famiglie usi a camminare in montagna, magari senza bambini troppo piccoli. Si attraversano e si ha contatto (se non altro visivo) praticamente con tutti gli ambienti del Parco: il borgo, la faggeta con alberi enormi e secolari, la radura con il prato, la zona rocciosa, il crinale in altura, il rifugio, la sorgente e il ruscello, il bosco misto, il lago. Un succedersi di scenari e di vedute mozzafiato, con la concreta possibilità di avvistare anche (a distanza nemmeno eccessiva) qualche camoscio e qualche rapace. Da tener presente che questo sentiero è ad accesso limitato e controllato dal Parco durante gran parte dei mesi estivi.

Read more… →

La Camosciara

Nel cuore del bosco
Nel cuore del bosco

La Camosciara è senz’altro una delle destinazioni più popolari del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise: situata nel cuore dell’area protetta, è una Riserva Integrale, tuttavia facilmente accessibile da tutti. L’ingresso è situato all’inizio del Sentiero G1 del Parco, in corrispondenza dell’imbocco di una strada laterale della S. S. 83 Marsicana nel comune di Civitella Alfedena, a pochi chilometri da Villetta Barrea. Qui è sita un’area multiservizi gestita dalla Cooperativa Camosciara: vi è un’area picnic, ed è possibile effettuare escursioni a piedi, a cavallo, in mountain bike. Inoltre c’è la possibilità di percorrere l’intero percorso G1 con un trenino a motore, per la gioia dei bambini.

Read more… →

Sella di Prato Piano

Salendo verso Passo della Cicogna
Salendo verso Passo della Cicogna

Caratteristiche – Ci aspettavamo un po’ più di neve nella salita che ci ha portati a Sella di Prato Piano, ma lo spettacolo è stato comunque meraviglioso: i pianori che si stendono sopra Prati di Mezzo rappresentano un vero e proprio spettacolo della natura, in qualsiasi stagione, e con qualsiasi colore, sia il verde dei prati in primavera, sia l’ocra dell’erba secca in estate, o il bianco invernale.

La digressione “alla ricerca della neve” ci ha portato a sviluppare un’escursione con partenza dai 1430 m di Prati di Mezzo fino ai 1810 circa di Sella di Prato Piano, per un dislivello di quasi 400 m. Si è svolto un semi-anello con ritorno attraverso la Piana di Fonte Fredda e di Fonte della Regina, e poi la Forestella con rientro a Prati di Mezzo: un totale di 8 km per circa 4 ore, 4 1/2 di cammino. 

Read more… →