Category Archives: In Lombardia (e Svizzera)

San Fedelino

Il Tempietto di San Fedelino
Il Tempietto di San Fedelino

La nostra ultima escursione in terra lombarda è stata al Tempietto di San Fedelino; un luogo fantastico, su una piccola lingua pianeggiante sulle rive del fiume Mera, laddove questo si getta nel Lago di Novate. Situato ai piedi di una grande rupe rocciosa, è un angolo di tranquillità, nonostante si trovi a poca distanza da grandi vie di comunicazione e dallo stesso Lago di Como. Per raggiungere la chiesetta si percorre un itinerario di circa 4 km attraverso una fitta vegetazione, per lo più su fondo pianeggiante, ma talvolta reso più impervio da saliscendi rocciosi che rendono l’escursione più impegnativa per i bambini più piccoli o se si procede con lo zaino porta-bimbo. L’escursione si sviluppa per circa 4 km, con due ore di cammino.

Read more… →

Al Rifugio Tartaglione Crispo

Da Pian del Lupo verso il Rifugio - Foto di Maria Teresa Volpi
Da Pian del Lupo verso il Rifugio – Foto di Maria Teresa Volpi

L’escursione al Rifugio Tartaglione Crispo è un po’ un’introduzione al fascino selvaggio ed esuberante della Valmalenco: siamo nell’angolo più nord-occidentale della Valle, proprio al cospetto del Ghiacciaio del Disgrazia e delle impressionanti cime che gli fanno da contorno.

L’escursione, se si eccettuano le ultime poche centinaia di metri (alquanto ripide), è facile e accessibile a tutti, e passa attraverso vari ambienti nonostante il suo non eccessivo sviluppo in lunghezza: c’è il paesaggio del fiume alpino; la foresta di abeti; il territorio coltivato e antropizzato con le attività degli agricoltori e dei boscaioli; infine, c’è il rifugio nel bosco, circondato da vette superbe.

Read more… →

La Val di Mello

La meraviglia della Val di Mello: il Bidet della Contessa
La meraviglia della Val di Mello: il Bidet della Contessa

E’ difficile trovare le parole per descrivere cosa si prova quando i propri sensi vengono in contatto con la Val di Mello: nascosta e appartata, la sua visione dona gioia all’escursionista, avvolto dall’incanto della sua indescrivibile bellezza. Il fascino non è minimamente scalfito dalla folla di turisti ed escursionisti che si riversarno qui in estate. Partendo da San Martino, paese caro e storico ad alpinisti e arrampicatori, la Valle si svela gradualmente, riservando sorprese fatte di torrenti canterini, laghi cristallini, cascate spettacolari, pareti vertiginose, vette epiche, prati e boschi verdissimi, borghi usciti dalle fiabe.

Propaggine nord-orientale della Valmasino, sul versante nord della Valtellina, la Val di Mello si insinua tra giganti che culminano con i quasi 3300 metri del Monte Disgrazia, le cui nevi eterne (per quanto ancora?) fanno da sfondo costante allo sguardo.

Read more… →

Le Marmitte dei Giganti

Chiavenna dal Belvedere nel Parco delle Marmitte dei Giganti
Chiavenna dal Belvedere nel Parco delle Marmitte dei Giganti

Chiavenna, all’imbocco dell’omonima Valle, offre varie meraviglie da visitare ed esplorare: una di queste è il Parco delle Marmitte dei Giganti, a ridosso del centro cittadino. Una passeggiata tra le graziose vie della località si può quindi facilmente trasformare in una breve ma interessante escursione attraverso uno scenario singolare e affascinante, soprattutto per i bambini. Le Marmitte sono infatti delle grandi formazioni rocciose, levigate dall’opera millenaria degli agenti atmosferici, in particolar modo del ghiaccio che ricopriva l’area fino all’ultima epoca glaciale. Enormi massi si presentano levigati, coricati, addossati uno sull’altro: dalla colorazione scura, questi massi sono stati utilizzati dall’uomo per ricavare materiale per l’edilizia (da cui l’originale “crotto”, spesso inglobato all’interno della roccia stessa) e per la produzione della pietra ollare, usata per cuocere in maniera sana gli alimenti.

Read more… →

San Giovanni di Bioggio

La chiesa di San Giovanni
La chiesa di San Giovanni

La passeggiata/escursione a San Giovanni di Bioggio è stata per noi un primo approccio con questa zona della Valtellina, alle pendici delle Alpi Retiche. In particolare, ci troviamo nella “Costiera dei Cech”: una balconata baciata dal sole, costellata di tanti piccoli, graziosi paesi (Traona, Mello, Civo, fino a salire all’alpeggio di Poira) situati in una posizione invidiabile. La conformazione del pendio, caratterizzato da una pendenza quasi verticale e da una vegetazione che passa dai vigneti delle quote più basse ai boschi misti e ai prati di quelle più alte, ricorda da vicino quella di una costiera; la differenza, ovviamente, è che in fondo non c’è il mare o il lago (benché quello di Como sia raggiungibile in pochi chilometri), ma la Valtellina con l’Adda, Morbegno e tutte le sue vie di comunicazione e attività produttive. Una bel contrasto con la tranquillità che si respira nei centri a mezza costa, anche se vivi e vitali (oltre che popolati di turisti venuti per l’estate).

Read more… →