Alva Glen

Una delle cascate di Alva Glen

Alva Glen ha rappresentato per noi una gradita variazione sul tema di una vacanza non escursionistica in terra straniera: non siamo andati ad esplorare uno dei più altisonanti “glen” delle Highlands, ma senz’altro questa gola che si incunea profonda ai fianchi delle Ochils Hills è stata una gradita scoperta e una piacevole escursione tra il fresco di una foresta e di un canyon scozzese.

Le colline si trovano nei dintorni di Stirling, mentre il sentiero di Alva Glen parte dal paese di Alva, nella contea di Alloa. Fuori dai percorsi turistici ufficiali e più frequentati, il percorso si snoda lungo un torrente ricco di acqua, con varie cascate e piccole dighe, usate per captare l’acqua e utilizzarla per varie attività. Inizialmente molto comodo, il sentiero si serve anche di ponticelli in muratura per attraversare il ruscello, oltre che di scalinate di cemento per guadagnare dislivello in corrispondenza di una bella cascata.

Il ruscello nel canyon
Si cammina nel profondo della gola

Continuando a salire, il cammino ridiventa pianeggiante, ma in altura rispetto a torrente, protetto da recinzioni e parapetti. Gradualmente riguadagna il livello del ruscello, accanto al quale è presente una grossa tubazione. Altre ponticello, altra cascata, finché il sentiero devia verso sinistra e guadagna decisamente dislivello: non è possibile continuare a seguire il torrente per motivi di sicurezza.

ItinerarioDal centro di Alva si segue il percorso (indicato) all'interno del glen
Distanza2,1 km circa
Dislivello250 m circa
TempiUn'ora e mezza (solo andata)
Punti di ristoroPresenti in paese
NotePercorso facile e gradevole, oltre che accessibile a tutti fino alla sbarra finale nel canyon; successivamente, si svolge su dislivello marcato e con tratti anche esposti

Dall’alto: uno sguardo sulle Lowlands!
In esplorazione

Noi abbiamo continuato fino ad un certo punto, tra l’altro percorrendo i tornantini finali (in andata e anche al ritorno) e facendo molta attenzione, data la loro esposizione, a dire il vero, non proprio “kid-friendly”; raggiunto un punto panoramico, il grosso del gruppo si è fermato per uno spuntino, mentre io ho percorso ancora alcune centinaia di metri in avanscoperta, potendo constatare quanto il sentiero divenisse ancora più impervio e impegnativo, salendo ulteriormente per poi calare in maniera decisa verso una cascata che romba nei recessi del canyon. Alzando la testa, abbiamo comunque potuto ammirare lo splendido paesaggio delle colline, così selvaggio e meravigliosamente nordico: un frammento di Highlands nelle Lowlands!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.